Home / Medicina + Donna / La madre del killer Del Re intercettata a telefono: temeva che fosse successo qualcosa a suo figlio dopo l’agguato a Noemi

La madre del killer Del Re intercettata a telefono: temeva che fosse successo qualcosa a suo figlio dopo l’agguato a Noemi

Quel maledetto 3 maggio la madre di Noemi non era la sola donna in angoscia. Paradossalmente a vivere un pomeriggio di paure e tensioni fu anche la madre dei fratelli Antonio ed Armando Del Re. Lo si evince nelle 30 pagine di ordinanza firmata dal Gip del Tribunale di Nola, Daniela Critelli, in cui risaltano anche due telefonate ricevute dal più giovane dei fratelli del Re.

L’utenza cellulare in uso al 18enne è, secondo le fonti investigative, risultata sempre attiva prima, durante e dopo l’agguato di piazza Nazionale. Il cellulare non era però materialmente nelle disponibilità di Armando Del Re, ma di G.P., stretto collaboratore dei fratelli accusati di tentato omicidio.

Tale dettaglio emerge in quanto, alle ore 18:40 ed alle 20:10, sull’utenza telefonica in uso ad Antonio Del Re, venivano captate due conversazioni, nel corso delle quali traspariva la preoccupazione della madre dei due fratelli Del Re, derivante molto probabilmente dalla notizia già diffusa dai media circa l’agguato avvenuto in Piazza Nazionale.

In particolare, alle ore 18:40, la donna contattava l’utenza in uso al figlio e le rispondeva G.P., il quale le diceva che Antonio Del Re aveva lasciato il telefono nella sua auto, aggiungendo, su esplicita domanda, che comunque era in compagnia del fratello Armando. Le spiegazioni date da G.P. non placano le ansie della donna che alle ore 20:10 digita il medesimo numero telefonico, riuscendo a parlare con suo figlio. Antonio Del Re, fortemente, rimproverato da sua madre per non averla chiamata, replicava, con tono alterato, che non poteva farlo in quanto era senza il telefono (No perché non tenevo il telefono”). Non contenta la donna, ancora scossa, lo incalzava, chiedendogli il motivo per il quale non avesse il telefono con sé e dove si trovasse, ottenendo però solo risposte evasive.

 

 

RelatedPost

Check Also

Il voto europeo per dare un’alternativa all’Italia

Eccoci a quel 26 maggio carico di ansie, di emozioni. Sento che si allarga il …