Home / Il seno / Le Sirene di Ulisse: dragonboat e canoe si sfidano nel Golfo di Gaeta per sconfiggere il tumore al seno

Le Sirene di Ulisse: dragonboat e canoe si sfidano nel Golfo di Gaeta per sconfiggere il tumore al seno

Formia – Sociale, salute e sport parte l’iniziativa per un mare senza barriere: “Le Sirene di Ulisse”, il Trofeo Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale 2019, in programma da  venerdì 14  giugno a domenica 16 giugno. Da un’idea nata dai Reali Canottieri Reggia di Caserta, associazione presieduta da Roberta Reisino, si sviluppa la prima regata di canottaggio e di dragonboat tra Formia e Gaeta.

Il Dragon Boat è un’antica imbarcazione di origine cinese lunga 12,66 metri con la testa e la coda a forma di drago; le pagaie sono simili a quelle della canoa canadese il cui peso è di circa 1 kg.
Sullo scafo trovano posto 20 atleti, 10 a destra e 10 a sinistra. A prua, rivolto verso l’equipaggio, un tamburino batte il tempo su di un grosso tamburo, mentre a poppa è alloggiato, proprio sulla coda del drago, il timoniere, alle prese con un remo lungo 3 metri.

All’insegna del benessere con finalità nobili: si rema contro il tumore al seno, una lotta preventiva propiziata dalle “Donne in rosa”, che hanno saputo, con coraggio e determinazione, trasformare la loro malattia in un elemento di crescita personale e collettiva. Saranno presenti per l’evento gli equipaggi provenienti da Torino, Roma, Milano, Venezia, Mestre, Gorizia, Empoli, Bari, Modena e Sabaudia.

Un fine settimana intenso, contraddistinto anche dal binomio canottaggio e scuole: un percorso vincente, per lo sviluppo armonico dei ragazzi. Verrà inaugurata presso la Torre di Mola, la sede del Nautilus, associazione presieduta dal bicampione olimpico di canottaggio Davide Tizzano, per promuovere tra i giovani la cultura remiera e le attività marinaresche. L’inaugurazione della sede arriva dopo l’inizio del progetto sinergico e formativo dal titolo “Mare senza barriere”, che consente agli studenti delle scuole di Formia di avvicinarsi a questo sport.

Il programma della tre giorni:

Il 14 giugno dopo le prove in mattinata dei vari equipaggi alle 16.30 sarà la volta di un flash mob solidale in Piazza della Vittoria, una corografia che coinvolgerà tutte le donne che vorranno prendere parte a questo momento di ballo e condivisione.

Alle 18:00 sarà la volta dell’inaugurazione della sede Nautilus con il taglio del nastro e la consegna delle targhe alla Torre di Mola.

Il 15 giugno, la cerimonia di apertura fissata sabato alle 10.30 al centro di preparazione olimpica “Bruno Zauli” di Formia diretto dall’ex canottiere olimpionico Davide Tizzano. Alle 11 è prevista la sfilata degli equipaggi, il discorso di apertura del Professore Emmanuele Emanuele e la conferenza stampa con due rappresentanti per team.

Il 15 e il 16 giugno l’appassionante sfida in mare si sposterà a  Gaeta tra Reale Società Canottieri Cerea (Torino 1863) e Società Canottieri Limite sull’Arno (Firenze 1861), i più antichi club remieri italiani. Sono previste 15 gare, due dragon boat per il Match Race con la partecipazione di 300 donne in rosa (dragonette) e 50 canottieri master.

E il Centro di Preparazione Olimpica “Bruno Zauli” di Formia aprirà le sue porte al Villaggio Kinder + Sport, consentendo a centinaia di ragazzini di praticare le più svariate discipline sportive.

(Il Faro on line)

RelatedPost

Check Also

Che cosa succede se la badante si ammala (anche gravemente)

Che cosa accade quando l’indennità di malattia finisce? Il datore di lavoro non può ricorrere …