Home / Medicina + Donna / Quando Andreotti lesse (o rilesse?) il Memoriale di Aldo Moro

Quando Andreotti lesse (o rilesse?) il Memoriale di Aldo Moro

Virginio Rognoni, tu sei stato uno dei massimi dirigenti della Dc e il ministro dell’Interno succeduto a Francesco Cossiga dopo la morte di Moro. Che cosa era la Democrazia Cristiana? Che cosa è stata nella storia italiana?

«Non si capisce la Democrazia Cristiana se non con riferimento alla storia politica e civile del Paese.

Non è un partito che nasce dal nulla. Durante il fascismo i cattolici antifascisti, per tradizione familiare e radicata convinzione, erano assoluta minoranza; la gran parte del mondo cattolico faceva massa intorno a Mussolini; erano gli anni Trenta; giusto gli anni del grande consenso; un patrimonio ingannevole che porta Mussolini definitivamente nelle braccia di Hitler.

Finita la guerra, ma già prima, a ridosso del 25 luglio, c’è l’incontro dei vecchi “popolari” del partito di Sturzo, con De Gasperi in testa, e i giovani professori che venivano dalla Fuci e dai Laureati cattolici; queste due realtà si incontrano, vi confluiscono altri gruppi già clandestini, come i neoguelfi di Milano, e nasce il partito. Oggi si racconta che quella politica era in mano a vecchi, ma perché non ricordare che Aldo Moro arriva alla Costituente a 29 anni e Dossetti a 33, e che entrambi sono stati tra i costituenti più ascoltati e apprezzati?».

.

RelatedPost

Check Also

Oncologi,da comuni e Regioni serve più impegno contro tumori – Salute & Benessere

Nella battaglia contro i tumori serve più impegno anche da comuni e Regioni, perchè la …